Separazione: posso licenziare il coniuge

Tag 19 Luglio 2018  |
(5,00 su 5)
Loading...

Licenziamento del coniuge da cui ci si vuole separare: quali conseguenze?

Spesso accade che all’interno del rapporto coniugale si creino importanti relazioni economiche tra i coniugi.

Oltre al possibile patrimonio in comune, non di rado accade che il marito assume la moglie nella propria azienda (o viceversa).

Chiaramente, nel caso di separazione, anche l’aspetto lavorativo dovr√† trovare adeguata regolamentazione. Vediamo come muoverci e come evitare spiacevoli conseguenze.

Se avete bisogno di qualche delucidazione specifica in materia condominiale vi rimandiamo al seguente articolo:

Licenziamento ed assegno di mantenimento

Un prima conseguenza di un licenziamento affrettato (ossia prima di concordare le condizioni della separazione) potrebbe essere proprio quello dell’assegno di mantenimento.

In effetti, il coniuge pi√Ļ debole si troverebbe senza lavoro e nella condizione di poter chiedere il relativo mantenimento al coniuge “benestante”.

D’altra parte, precisiamo che la condizione di disoccupazione non √® sufficiente a garantire l’erogazione del mantenimento. In linea di massima √® sempre necessario verificare:

  • lo stato di disoccupazione involontaria;
  • il peggioramento delle condizioni di vita del coniuge pi√Ļ debole;
  • l’incapacit√† del predetto di ricollocarsi nel mercato del lavoro.

In caso di necessità possiamo fornirvi un parere preliminare gratuito tramite il relativo modulo assistenza: conseguenza licenziamento coniuge separatoModulo

L’assegno di mantenimento secondo la giurisprudenza

Con sentenza del 11 luglio 2018 n. 18894, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione tracciano le linee guida in materia di mantenimento.

Sulla scia di tale pronuncia la Cassazione con provvedimento n. 18287/18 esamina proprio un caso di separazione di due coniugi che lavorano entrambi all’interno della medesima azienda della moglie.

La Corte di Appello aveva negato l’assegno di mantenimento al marito licenziato. Si legge:

[…] egli (il marito) aveva attitudini e capacit√† lavorative che presumibilmente gli consentivano di ricollocarsi nel mercato del lavoro, a seguito del licenziamento da parte della societ√† amministrata dalla moglie nella quale prima lavorava, anche tenuto conto delle rilevanti somme (Euro 500000) da lui percepite successivamente alla separazione, in relazione al pregresso lavoro e alla vendita di un immobile cointestato con la moglie.

In Cassazione la sentenza viene confermata ritenendo non sindacabili le motivazioni logiche formulate dal Giudice di secondo grado.

Tramite il modulo sottostante è possibile contattare lo studio legale di riferimento al fine di avere un parere sommario o un breve consulto sulla propria problematica.
La compilazione e l'invio dello stesso non comporta alcun onere o spesa da parte del richiedente.
Dopo aver ricevuto il parere preliminare, laddove vi siano i presupposti, l'utente potrà decidere liberamente se affidare o meno la propria posizione allo studio legale di competenza.
Cordialità.
Nome :
Cognome :
Città :
Provincia :
Telefono :
E-mail :* il riscontro verrà fornito tramite mail

Oggetto :

Vi contatto per esporre quanto segue:

* tutti i campi sono obbligatori

Accetto le condizioni per l'utilizzo del servizio ed esprimo il mio consenso al trattamento dei miei dati personali in conformità alle finalità di cui all' Informativa sulla Privacy.

feedback
I Feedback dei nostri clienti