Elementi costitutivi del reato di diffamazione: il diffamato

Tag 09 Giugno 2013  |
Nessun voto espresso
Loading...

Avevamo già analizzato alcuni elementi costitutivi del reato di diffamazione nel seguente articolo.

In particolare, avevamo analizzato due concetti: la reputazione e l’offesa (della reputazione).

Continuiamo ad esaminare gli altri elementi costitutivi.

L’identificazione del soggetto passivo (il diffamato)

Chiaramente il soggetto passivo è colui che subisce l’azione diffamatoria.

In questo ambito, un problema frequente è quello della individuazione/identificazione del diffamato.

E’ chiaro che se, ad esempio, l’articolo di giornale cita nome e cognome della persona, allora il problema non si pone. In questo caso è lo stesso diffamatore ad identificare il soggetto passivo della sua azione.

Molto spesso accade, che la diffamazione usi lo strumento della “allusione”. Tutti hanno ben chiaro a chi l’autore intende riferirsi, sebbene non venga espressamente menzionato il nome del diffamato.

Come si risolve?

Bisogna analizzare il contesto delle frasi pronunciate o scritte, la natura e portata dell’offesa, le circostanze oggettive e soggettive narrate, i riferimenti temporali e simili.

Se dal contesto emerge, con ragionevole certezza, l’inequivoca identificazione di una persona: quest’ultimo sarà il soggetto offeso.

Tale problema è molto importante anche per le connessioni sotto il profilo processuale.

Solo l’offeso può querelare il diffamatore. Considerato che il reato è procedibile a querela, si comprende la necessaria ed indispensabile identificazione del soggetto passivo

Pluralità di persone offese

Le persone offese possono essere più di una. Chiaramente SI !

Possono essere un gruppo di persone. Chiaramente SI !

Possono essere un gruppo di persone generico. Chiaramente NO !

Il presupposto è comunque quello della individuazione. Se si parla contro un generico gruppo di persone (i fascisti, i comunisti o chi volete) non è possibile identificarli. Il reato non può configurarsi.

Se invece l’offesa è diretta nei confronti di un partito specifico ? In questo caso il soggetto è determinato. Legittimato ad agire ed a proporre la querela sarà chi legalmente rappresenta il partito in quel territorio.

Nel caso di associazione, enti di fatto, rappresentanze locali ? stesso discorso. La giurisprudenza riconosce che tali soggetti possano assumere la veste di soggetti passivi del delitto di diffamazione.

Tramite il modulo sottostante è possibile contattare lo studio legale di riferimento al fine di avere un parere sommario o un breve consulto sulla propria problematica.
La compilazione e l'invio dello stesso non comporta alcun onere o spesa da parte del richiedente.
Dopo aver ricevuto il parere preliminare, laddove vi siano i presupposti, l'utente potrà decidere liberamente se affidare o meno la propria posizione allo studio legale di competenza.
Cordialità.
Nome :
Cognome :
Città :
Provincia :
Telefono :
E-mail :* il riscontro verrà fornito tramite mail

Oggetto :

Vi contatto per esporre quanto segue:

* tutti i campi sono obbligatori

Accetto le condizioni per l'utilizzo del servizio ed esprimo il mio consenso al trattamento dei miei dati personali in conformità alle finalità di cui all' Informativa sulla Privacy.

feedback
I Feedback dei nostri clienti